Navigazione blog
Ultimi post

Protesi capelli realizzate con capelli europei, cinesi o indiani

1308 Visualizzazioni

Le protesi capillari, a volte anche le parrucche e i toupet, prevedono l’utilizzo di capelli umani veri che possono avere origini geografiche diverse. Comunemente esistono 3 principali zone geografiche dove esiste la consuetudine di farsi crescere i capelli, per poi tagliarli e venderli: Cina, India ed Europa. I capelli europei, più precisamente, provengono dalla Russia o dalla zona del Caucaso.

I capelli europei

Diciamo subito che i capelli europei sono i migliori ed i più apprezzati in Italia, perché, per ovvie ragioni di appartenenza geografica, sono i più simili al capello medio europeo e al capello italiano. Questi capelli sono caratterizzati dall'essere dritti o leggermente mossi e dall'essere solitamente striati, ovvero con le punte tipicamente più chiare rispetto alle radici. Altra caratteristica dei capelli europei è che sono disponibili in numerose tonalità di colore, dal biondo al castano, cosa che non succede con i capelli indiani o cinesi. I capelli europei non necessitano di nessun trattamento chimico, possono essere utilizzati così come sono, al naturale.

Con i capelli europei si ottiene il risultato estetico finale migliore possibile. Uno svantaggio dei capelli europei è la loro limitata disponibilità, che fa lievitare i costi di acquisto. Un altro svantaggio è la difficoltà nella loro gestione, sia per quanto riguarda la manutenzione della protesi capillare, sia per quanto riguarda la sua realizzazione. I capelli europei naturali possono essere lavorati esclusivamente a mano, da tecnici di comprovata esperienza, al fine di realizzare protesi capelli su misura di altissima qualità (qui puoi leggere della differenza tra protesi capillari su misura e protesi standard).

I capelli cinesi

I capelli cinesi sono caratterizzati dall'avere una fibra molto spessa, dal rimanere molto dritti, senza alcun accenno al mosso, e il loro colore è sempre vicino ad un marrone scuro.

Lo spessore dei capelli cinesi garantisce un capello resistente e molto durevole, che può essere sottoposto a molteplici trattamenti chimici. Un vantaggio dei capelli cinesi è che sono disponibili in grandi quantità, a prezzi più bassi rispetto ai capelli europei e indiani.

Tra gli svantaggi dei capelli cinesi, l’essere molto diversi dai capelli europei, il che richiede tutta una serie di trattamenti chimici, al fine di simulare spessore, struttura e colore dei capelli europei. E’ possibile riconoscerli perché riflettono molto la luce del sole e prima dei trattamenti chimici sono 3 volte più spessi dei capelli europei. Sono utilizzati per realizzare protesi di capelli, parrucche e toupet del tipo economico.

I capelli indiani

I capelli indiani, anche se non differiscono molto dai capelli cinesi, sono caratterizzati da un’alta qualità e da una buona varietà. Il costo di acquisto e di lavorazione risultano bassi. Al pari dei capelli europei, vengono utilizzati anche per creare protesi su misura. Va detto che anche i capelli indiani vengono sottoposti a processi chimici per farli assomigliare ai capelli europei, ma questi processi chimici sono decisamente meno aggressivi rispetto a quelli utilizzati con i capelli cinesi. I capelli lavorati in questo modo, con processi chimici leggeri, sono detti capelli indiani remy. In commercio sono anche disponibili capelli indiani non remy, ovvero capelli indiani che hanno subito esattamente gli stessi processi chimici aggressivi dei capelli cinesi. Con risultati qualitativi scadenti. Non di rado i capelli remy vengono venduti facendoli passare per capelli europei o italiani.

Pubblicato in: Protesi di capelli

Esperienza di 20 anni nel campo delle protesi di capelli.

Lascia un commento

Codice di sicurezza